Marted́, 17 ottobre 2017      

 
 

Home > Libreria> Questo libro non ha titolo

QUESTO LIBRO NON HA TITOLO

perché è scritto da un art director

Lorenzo Marini

Tra realtà e fantasia, tra saggio e fiaba, tra autobiografia e romanzo, il viaggio di un creativo nel pianeta pubblicità.

ISBN 88-8391-132-6

Euro 15,00

  "Questo libro non ha titolo" è un libro sperimentale, poiché unisce parallelamente il mondo reale con quello della fantasia.

Il viaggio reale avviene nel dorato mondo della pubblicità, con nomi, cognomi e indirizzi.

Il viaggio fantastico avviene ovunque ma sempre all'insegna del rapporto allievo-maestro, qui interpretato dall'angelo custode.

Questa ultima edizione si arricchisce di cinque nuovi capitoli, raccontati con gli occhi di un art director diventato imprenditore, senza mai perdere il piacere dello stupore.

Di questo libro Gillo Dorfles ha scritto sul Corriere della Sera: "Dirò subito come la buona scrittura dell'autore ci fa seriamente riflettere sull'importanza che la pubblicità può rivestire per una inedita cultura linguistica".

Questo è un libro anfibio, metà saggio e metà racconto, metà cronaca e metà sperimentazione, e dunque aspira ad un lettore altrettanto doppio, anzi mutante, polimorfo. Non solo ad un creativo che si fa lettore, dunque, ma ad un lettore che sia creativo o - progetto davvero ambizioso - appunto nella lettura si faccia tale. Se Lei, in questo preciso momento, si sente in stato o in attesa di creatività, è proprio a Lei che dico: tutto OK, ha fatto la cosa giusta, ha fatto un affare. Che cosa Le posso dire di meglio? Di più essenziale?

Perciò, Lei può saltare questa prefazione a cuor leggero, se da me si aspetta soltanto di essere avviato alla lettura, magari gratificato per l'investimento in euro che ha appena fatto. Si tranquillizzi anche per il tempo-denaro o il tempo-felicità che ci vuole a leggere questi ventiquattro capitoli.

Ventiquattro capitoli, o almeno nella prima edizione perché questo libro si è adesso aggiornato e arricchito, come le ventriquattro ore di un giorno: dodici stampate in tondo, perchè la grafica di un discorso solare, le ore della ragione, e dodici stampate in corsivo, perché è la grafica di un discorso lunare, le ore del sogno. Ha già perso troppo tempo con me, salti lo Zero. E cominci davvero.

 

Alberto Abruzzese

  Lorenzo Marini è un architetto, ma costruisce immagini di marca.

È un pittore, ma usa solo un colore, il bianco.

È un collezionista di attimi, ma ha creato un gruppo di comunicazione integrata di grande successo.

È docente alla IULM ma, più che insegnare, ama imparare.

Ha un sacco di amici, ma ama il silenzio.

È direttore artistico della Biennale Internazionale dell'Umorismo di Tolentino, ma non sa perché.

È un art director, ma ama scrivere.

Il suo romanzo "Vaniglia" è diventato un long seller e "L'Uomo dei Tulipani" è stato pubblicato anche all'estero.

E "Note" è un saggio sulla creatività a trecentosessanta gradi, ma si legge come un romanzo.

 

 


HOME