Giovedý, 14 dicembre 2017      

 
 

Home > Libreria> Penne Digitali

PENNE DIGITALI
Dalle agenzie ai weblog:
fare informazione nell'era di Internet


Di Carlo Baldi e Roberto Zarriello
CENTRO DI DOCUMENTAZIONE GIORNALISTICA


 

 

 

Il dibattito sul cosiddetto giornalismo online si arricchisce di un ulteriore contributo in libreria. E' uscito infatti in questi giorni: "Penne digitali. Dalle agenzie ai weblog: fare informazione nell'era di Internet", edito dal Centro di Documentazione Giornalistica. Il volume, scritto da due web journalist italiani, Carlo Baldi e Roberto Zarriello, mette a frutto l’esperienza di lavoro degli autori in veste di vicedirettori dell’Agenzia Giornalistica Europa, tra le prime sei agenzie di stampa online italiane.

Il manuale, acquistabile anche in Rete sul sito internet della casa editrice (www.agendadelgiornalista.it) e facente parte della collana Journalism & Communication Tools, affronta rapidamente ma con chiarezza una puntuale ricognizione dei generi giornalistici sul Web (dall'informazione sportiva a quella politica, dal giornalismo culturale a quello di servizio), soffermandosi sui problemi della scrittura digitale, della selezione delle fonti, dei rapporti tra giornalisti e lettori, della nuova frontiera dell'infotainment.

Il volume rappresenta un utile strumento di lavoro per gli operatori dell'informazione, ma anche un prezioso vademecum per gli aspiranti cybercronisti, essendo corredato da spunti, schede, esempi, link e tracce di esercitazione. «Pur evolvendosi, o involvendosi - scrivono Baldi e Zarriello, la figura del giornalista ha attraversato i tempi e continuerà a farlo. Appare assodata l'esigenza che i giornalisti sopravvivano anche sul Web, benché con un ruolo per alcuni tratti diverso da quello tradizionale e con la necessità che maturino competenze specifiche e per certi versi inusitate. Il giornalista in veste di mediatore dell'informazione, ossia quale guida esperta e sostegno affidabile per il lettore che voglia districarsi nella selva di contenuti mediatici, è una funzione sociale che rimane indispensabile». Una parte rilevante del libro è anche dedicata all'analisi del fenomeno blog, nella sua valenza informativa e nel rapporto talvolta simbiotico talvolta conflittuale tra giornalisti e blogger. Il saggio si avvale inoltre dell'interessante prefazione di Ernesto Damiani, uno dei guru del dibattito sui nuovi media in Italia,
docente universitario di reti telematiche e fondatore della famosa rivista “Internet News”.

«Per chi è interessato alle nuove professioni dell'informazione – scrive Damiani, è un'introduzione ideale al mondo del giornalismo dell'era di Internet, che usa la Rete per proporre contenuti personalizzati o informazioni fruite da milioni di persone. A questa nuova generazione di giornalisti, Penne digitali presenta rapidamente ma in modo completo ed efficace tutti i principali ferri del mestiere, le fonti informative, i nuovi canali di diffusione dell'informazione e le diverse comunità di lettori che permettono di raggiungere. Con chiarezza e precisione, parlando da collega a collega, Carlo Baldi e Roberto Zarriello documentano come sia possibile sfruttare sul campo la specifica valenza comunicativa delle tecnologie della Rete per produrre iniziative di successo e informazione di qualità».

 

HOME