Domenica, 22 ottobre 2017      

 
 

Home > Libreria > La comunicazione politica in internet

LA COMUNICAZIONE POLITICA IN INTERNET

Di Mattia Miani - Luca Sossella Editore

La comunicazione politica in Internet. Guida pratica per politici, candidati ed eletti (e per tutti quelli che considerano la politica il loro mestiere) è un volume scritto da Mattia Miani , uscito nel 2003 per i tipi di Luca Sossella Editore.

 

Il libro, che ha una prefazione di Roberto Grandi, è concepito come un manuale pratico rivolto a " consulenti di comunicazione politica, comunicatori pubblici, studenti e studiosi, nonché altri professionisti della politica, a cominciare dai politici eletti, a ogni livello, locale e nazionale, desiderosi di migliorare la propria comunicazione on-line, dentro e fuori la campagna elettorale ".

L'approccio teorico quindi, sempre presente, viene declinato con suggerimenti applicativi e attraverso i case-history della comunicazione politica in Internet negli USA, in Europa e in Italia.

I dieci capitoli, ai quali si aggiungono introduzione e conclusioni, affrontano dunque diversi aspetti moto specifici e, ad eccezione del primo ("La terza età della comunicazione politica"), sono molto pratici ed applicativi: pianificare una presenza ondine, progettare il sito web, la realizzazione e la gestione del sito web, la posta elettronica, la pubblicità ondine, raccolta fondi e mobilitazione di volontari, l'informazione ondine, come integrare Internet con gli altri media, la campagna elettorale.

Completa poi il quadro un glossario di termini tecnici di Internet, il libro infatti cerca di essere sempre estremamente chiaro anche per i non addetti ai lavori che hanno poca familiarità con la Rete, spiegando nel dettaglio molti aspetti anche apparentemente banali.

Nella concezione dell'autore il sito web deve diventare l'ufficio di rappresentanza virtuale di ogni politico, dove i cittadini possono informarsi, partecipare e mobilitarsi.

Miani in tutto il libro mette in evidenza come le dimensioni e le funzioni di tale ufficio dipendano strettamente dalle risorse che vi si vogliono dedicare, punto dolente della comunicazione politica in Internet, spesso ultima ruota del carro dei media e delle strategie usate.

Inoltre il sito politico non è solo uno strumento proprio della campagna elettorale, anche se è in quel periodo che raggiunge l'apice delle visite e dell'utilizzo, ma va gestito anche in altri momenti, a meno che non sia fatto ad hoc per un preciso appuntamento con gli elettori.

L'autore inoltre insiste molto sugli aspetti peculiari del media Internet, come la gestione diretta ed autonoma da parte del politico rispetto ai massa media tradizionali, la possibilità di replicare in tempo reale a elettori e avversari, la conoscenza immediata di feedback e rilevazioni statistiche, il vantaggio per la propria immagine ("politico moderno e aperto alle nuove tecnologie").

Particolarmente interessanti i case-history riportati, specie quelli statunitensi visto che negli USA la comunicazione politica in Internet ha mosso i suoi primi passi già nel 1996.

Negli Stati Uniti vari meccanismi, tra cui quello delle primarie, e delle consuetudini come quella della comunicazione comparativa e fortemente negativa verso gli avversari rendono interessante e vario il quadro, con strategie difficilmente pensabili in Italia e in Europa.

Da leggere sono comunque anche i casi italiani, dato che per molti versi gli esperimenti e le tecniche usati sulle Rete nel nostro Paese non sono molto noti se non fra gli attivisti, alcune agenzie di comunicazione specializzate e il personale politico professionista.

Infine sono sicuramente d'interesse per l'uomo di marketing in genere le commistioni fra le tecniche della politica e quelle della comunicazione aziendale e di prodotto e il tema del rapporto e dell'integrazione fra Internet e gli altri media.

La scrittura chiara dell'autore e la brevità e specificità dei singoli capitoli rendono poi semplice la lettura

 

Recensione di Gianluigi Zarantonello


HOME