Marted́, 21 agosto 2018      

 


Home > Fashion Vintage > La borsa nella moda Vintage

LA BORSA NELLA MODA VINTAGE - di Angela Eupani Serio

Non mero accessorio, bensì elemento fondamentale nel look della donna di ogni epoca.

L'estrema attualità della borsa d'epoca così come la sua "sopravvivenza" nel corso dei secoli affermano la sua indispensabilità come oggetto che unisce funzionalità ed esigenze estetiche. Ad essa si ricorre spesso anche per "rinfrescare" con un tocco inedito un vestito di qualche stagione fa o per ravvivare un abito di foggia semplice. Per un look vintage , la borsa rigorosamente d'epoca funge da indispensabile completamento dell'abito.

Oltre a riflettere lo spirito di un'epoca facendo assaporare il fascino delle cose d'annata, l'uso di una borsa vintage permette di apprezzare l'eccellente qualità nella manifattura, il pregio delle rifiniture e dei materiali utilizzati, specie nelle preziose conce della pelle, oggi non più eseguite. Attualmente è impensabile che una borsa moderna possa sopravvivere per secoli come le borse d'epoca senza evidenti segni di usura. Qualità nei materiali e manifattura eccellente rendevano, infatti, possibile che una borsa rimanesse preservata in condizioni pressoché inalterate per lungo tempo. Simbolo della vanità e dell'individualità femminili in ogni tempo, la borsa ha sempre stimolato l'immaginario delle donna e persino degli uomini che da borse e abbigliamento hanno spesso cercato di "carpire" aspetti della personalità della donna osservata.

Ricordo, in una delle mostre da me organizzate, dedicata specificamente alle piccole borse del '900, come i visitatori uomini siano stati particolarmente attratti dalla visione di una serie di minaudières che, in via eccezionale, venivano aperte sotto i loro occhi mostrandone così al loro sguardo attento ed ammirato anche il contenuto: specchio, pettine, cipria e piumino, porta sigarette, ombretto, rossetto . La ricerca dei designer della moda si è sempre rivolta, così come per l'abbigliamento, a riscoprire, rivisitare e riproporre fogge, forme, chiusure, dettagli accattivanti di borse del passato. Quale piacere dunque possedere l'esemplare originale d'epoca! Un esempio molto attuale è rappresentato dal revival della minaudière effettuato in particolare da Tom Ford per Yves St. Laurent e Gucci. La mini borsa porta sigarette e accendino, illustrata in questo articolo alla foto n. 14, é una moderna rivisitazione di una minaudière sicuramente già esistente negli anni '30 quando anche la Maison Van Cleef & Arpels ne aveva prodotta una divenuta poi celebre. Il termine " minaudière " derivato dal francese, significa letteralmente qualcosa di lezioso dall'aria civettuola. Per esteso può essere interpretata come oggetto amabile, intrigante e che incanta. Si tratta di eleganti mini-borse compatte, altresì dette " vanity cases " o " carryall ", divise in vari comparti per trasportare in un ridottissimo spazio il nécessaire per occasioni e serate importanti. I primi modelli apparvero negli anni '20, come borse da ballo in celluloide o metallo smaltato, spesso decorato a motivi déco e strass. In seguito vennero realizzate anche in ottone, pelle, lucite ed in materiali preziosi. Tra le case produttrici più note, molte furono quelle che si distinsero nella realizzazione di vere e proprie minaudières "gioiello": Cartier, Charlton, Lauchère, Tiffany, Boucheron, Evans, Whiting and Davis, Elisabeth Arden, Volupté e, in tempi più recenti dalla fine degli anni '60, la designer Judith Leiber. In queste pagine si riporta una breve carrellata di esemplari di questa pregiata e curiosa tipologia di borse.

La scelta di una borsa, specie se d'epoca, ha sempre rispecchiato lo stile, la classe, il senso estetico di ogni donna, nonché la sua individualità ed il grado di raffinatezza. Invero, è piuttosto il contenuto della borsa che può lasciar trasparire qualche aspetto della sua personalità che tuttavia resterà inesplorata ai più poiché nella borsa di una donna non è dato curiosare!

Angela Eupani Serio

Per saperne di più :
" Comunicazione e Marketing Perla "
Via Poletti, 3 36040 Fara (VICENZA) Italy
Ph./Fax: +39-0445-85.13.23 GSM: 339-6729704
info mailto: comunicazionenuova@libero.it

 

 

HOME