Mercoledý, 28 giugno 2017      

 


Home > Editoriali dalla Presidenza

Plagio: il riciclaggio di pensieri altrui. Solo Adamo fu l'unico che non potè mai essere accusato di aver plagiato qualcuno

C'era una volta l'Italia paese di santi, navigatori e artisti, c'è oggi l'Italia patria di peccatori, calciatori e imitatori.
L'Italia è la Repubblica fontata sul lavoro. Altrui però. L'imitazione, sembra lo sport più praticato nella penisola, non solo da pittori e scrittori carenti di vena espressiva, non solo da autori o comici privi di ispirazione, non solo da artisti che fanno il verso a loro colleghi più celebri, non solo da architetti e commercianti che copiano l'altrui operato, non solo da falsificatori di prodotti affermati e di tecnologie innovative, non solo da produttori televisivi o cinematografici che riproducono programmi e film della concorrenza, ma ciò che è più triste, anche e soprattutto da pubblicitari e comunicatori che fanno proprio l'ingegno e le idee di altri. Quella dei "falsi d'autore o meno" è una pratica ormai consueta. Un italico "vizietto" privo di eticità e di deontologia professionale. Ma se la acreatività (mancanza di creatività) è considerata un peccato veniale in certe arti e discipline dello scibile umano, è fuor di dubbio un peccato 'mortale' nello specifico settore del marketing e della comunicazione, che fanno della creatività pura e della originalità assoluta due valori intrenseci ed imprescindibili. Anche il Club ha subito l'ennesimo tentativo di plagio da parte di connecting-managers che era originariamente il portale della sezione Triveneto del Club ed ora , con un capovolgimento magistrale dopo le dimissioni del presidente della suddetta sezione regionale del Club, è divenuto una organizzazione di tipo associazionistico vera e propria molto simile al Club del Marketing e della Comunicazione.
Il Club conta ormai più tentativi di imitazione della Gioconda.
E' mio dovere ribadire il fatto, per tua maggior chiarezza, semmai non avessi avuto modo di leggere la newletter precedente denominata 'special edition'.
La Presidenza Nazionale del Club ed il Consiglio Direttivo non vivono questo ulteriore riciclaggio di pensieri altrui come una realtà concorrente, poichè nel grande mercato attuale c'è spazio per tutti. E perchè sono fermamente convinti della validità della prima legge del marketing formulata da Al Ries, quella della Leadership, che conferma l'importanza di essere i primi (in ordine temporale), poichè è più facile entrare nella mente del target di riferimento. Il doppione crea invece solo una sterile simulazione, una sorta di realtà virtuale che in quanto tale ha poco di concreto e di reale.
Mi preme comunque farti presente che:
- il club nella sua interezza si dissocia da questa nuova iniziativa.
- alla confusione generatasi dalla convivenza e promisquità per alcuni mesi di due realtà sovrapposte e contigue nel Triveneto (sezione regionale club e connecting-managers)
si è fatta finalmente chiarezza.
- l'azione di imbonimento messa in atto grazie alla confusione stessa induceva a credere per vero ciò che non era.
- ogni contatto presente o futuro ad ogni singolo socio del Club, scritto o via web , da parte della nuova organizazione, costituirà utilizzo improrio dei dati del Club e che non è e non sarà autorizzato, venendo a cadere (dopo le dimissioni del past president del Triveto) la ufficialità del suo incarico e la conseguente autonomia d'azione.
- l'uso parziale o totale del logo del Club da parte della nuova organizzazione in oggetto
è decaduto e delegittimato non essendo più in essere la 'status' di presidente di sezione regionale.
Così come da Regolamento interno del Club.

E' tua facoltà rifiutare o respingere atti e contatti invasivi non richiesti.
Per serietà nei tuoi confronti ed a garanzia della tua privacy ti abbiamo dato conto di questo specifico esercizio di clonazione.

Naturalmente abbiamo provveduto alla nomina di un nuovo Presidente della sezione Tiveneto del Club, che forte della sua innata vena propulsiva, e della sua celebrata professionalità, darà ancora più vigore, spessore, vitalità e risalto alla sezione Triveneto del Club.
Mi è gradita l'occasione per esprimere ad Andrea Zucca, grande esperto in Comunicazione e Marketing, i migliori auguri per il suo nuovo affascinante ed impegnativo mandato.
L'attività del Club, dopo lo stop estìvo, riparte alla grande in Settembre con due eventi lunghi tre giorni ciascuno:
uno a Milano ed uno a Roma.
Nello spirito della nostra mission non mancare all'appuntamento di questi due eventi relazionali ed aggregativi perchè come afferma il principio ispiratore del Club:
Agire è bene ma interagire è meglio!!!!!

Il Presidente Nazionale Danilo Arlenghi

HOME